Ciò che Davide aveva fatto era male agli occhi del Signore

2Samuele 11,14-27

La mattina dopo Davide scrisse una lettera a Ioab e gliela mandò per mano di Uria. 15Nella lettera aveva scritto così: «Ponete Uria sul fronte della battaglia più dura; poi ritiratevi da lui perché resti colpito e muoia». 16Allora Ioab, che assediava la città, pose Uria nel luogo dove sapeva che c’erano uomini valorosi. 17Gli uomini della città fecero una sortita e attaccarono Ioab; caddero parecchi della truppa e dei servi di Davide e perì anche Uria l’Ittita.
18Ioab mandò ad annunciare a Davide tutte le cose che erano avvenute nella battaglia 19e diede al messaggero quest’ordine: «Quando avrai finito di raccontare al re quanto è successo nella battaglia, 20se il re andasse in collera e ti dicesse: “Perché vi siete avvicinati così alla città per dar battaglia? Non sapevate che avrebbero tirato dall’alto delle mura? 21Chi ha ucciso Abimèlec figlio di Ierub-Baal? Non fu forse una donna che gli gettò addosso il pezzo superiore di una macina dalle mura, così che egli morì a Tebes? Perché vi siete avvicinati così alle mura?”, tu digli allora: “Anche il tuo servo Uria l’Ittita è morto”». 22Il messaggero dunque partì e, quando fu arrivato, annunciò a Davide quanto Ioab lo aveva incaricato di dire. 23E il messaggero disse a Davide: «Poiché i nemici avevano avuto vantaggio su di noi e avevano fatto una sortita contro di noi nella campagna, noi fummo loro addosso fino alla porta della città; 24allora gli arcieri tirarono sui tuoi servi dall’alto delle mura e parecchi dei servi del re perirono. Anche il tuo servo Uria l’Ittita è morto». 25Allora Davide disse al messaggero: «Riferirai a Ioab: “Non sia male ai tuoi occhi questo fatto, perché la spada divora ora in un modo ora in un altro; rinforza la tua battaglia contro la città e distruggila”. E tu stesso fagli coraggio».
26La moglie di Uria, saputo che Uria, suo marito, era morto, fece il lamento per il suo signore. 27Passati i giorni del lutto, Davide la mandò a prendere e l’aggregò alla sua casa. Ella diventò sua moglie e gli partorì un figlio. Ma ciò che Davide aveva fatto era male agli occhi del Signore.

La morte di Uria è decretata! Infatti “è scritta”. La cosa triste e patetica è che la vittima (il marito e soldato Uria) è ambasciatore della sua morte!

Il diabolico “gioco dell’inganno omicida” funziona alla perfezione: delitto perfetto!

[Leggiamo con calma il testo e vediamo come l’inganno, la corruzione, l’ipocrisia hanno il volto pulito di “colui che è ingannatore e omicida dal principio”, cioè il diavolo]

Alla morte di Uria (marito!) Betsabea fa il rito stabilito dalla legge e cioè si mette in “lutto”. Terminato il quale (come niente fosse!) “Davide la mandò a prendere e l’aggregò alla sua casa. Ella diventò sua moglie (era questo che Davide e Betsabea volevano) e gli partorì un figlio”.

Che bello, la nascita di un figlio!! “Ma ciò che Davide aveva fatto era male agli occhi del Signore”.