La casa del tuo servo è benedetta per sempre

2Samuele 7,18-29

Allora il re Davide andò a presentarsi davanti al Signore e disse: «Chi sono io, Signore Dio, e che cos’è la mia casa, perché tu mi abbia condotto fin qui? 19E questo è parso ancora poca cosa ai tuoi occhi, Signore Dio: tu hai parlato anche della casa del tuo servo per un lontano avvenire: e questa è la legge per l’uomo, Signore Dio! 20Che cosa potrebbe dirti di più Davide? Tu conosci il tuo servo, Signore Dio! 21Per amore della tua parola e secondo il tuo cuore, hai compiuto tutte queste grandi cose, manifestandole al tuo servo. 22Tu sei davvero grande, Signore Dio! Nessuno è come te e non vi è altro Dio fuori di te, proprio come abbiamo udito con i nostri orecchi. 23E chi è come il tuo popolo, come Israele, unica nazione sulla terra che Dio è venuto a riscattare come popolo per sé e a dargli un nome operando cose grandi e stupende, per la tua terra, davanti al tuo popolo che ti sei riscattato dalla nazione d’Egitto e dai suoi dèi? 24Hai stabilito il tuo popolo Israele come popolo tuo per sempre, e tu, Signore, sei diventato Dio per loro. 25Ora, Signore Dio, la parola che hai pronunciato sul tuo servo e sulla sua casa confermala per sempre e fa’ come hai detto. 26Il tuo nome sia magnificato per sempre così: “Il Signore degli eserciti è il Dio d’Israele!”. La casa del tuo servo Davide sia dunque stabile davanti a te! 27Poiché tu, Signore degli eserciti, Dio d’Israele, hai rivelato questo al tuo servo e gli hai detto: “Io ti edificherò una casa!”. Perciò il tuo servo ha trovato l’ardire di rivolgerti questa preghiera. 28Ora, Signore Dio, tu sei Dio, le tue parole sono verità. Hai fatto al tuo servo queste belle promesse. 29Dégnati dunque di benedire ora la casa del tuo servo, perché sia sempre dinanzi a te! Poiché tu, Signore Dio, hai parlato e per la tua benedizione la casa del tuo servo è benedetta per sempre!».

“Allora Davide disse … “. Ascoltiamo le sue parole.

a) Chi sono io, e che cos’è la mia casa? Io sono quello che tu hai realizzato nella mia storia. Ma ora, Signore, hai promesso un “lontano avvenire” alla mia famiglia.

b) Quello che hai fatto, Signore, lo hai fatto “per amore della tua parola e secondo il tuo cuore”. Tu sei davvero grande. E chi è come te?

c) Nello stesso tempo, Davide dice: “Chi è come il tuo popolo … un popolo che Dio ha riservato per sé, liberandolo dalla schiavitù. E così “sei diventato Dio per loro (Israele)”.

d) Davide, con molta audacia/fiducia dice a Dio: “Fa come hai detto!”. Cioè, fa che io abbia davvero una discendenza e che questa sia stabile … come tu stesso hai detto!

Il tutto potrebbe essere riassunto da questa espressione comune e ripetuta tante volte: “Le tue parole sono verità” nel senso che sono fedeli e si attuano.

“Degnati, Signore, di benedire la casa del tuo servo”, cioè, realizza quello che hai promesso e così la mia casa sarà sempre “davanti a te” = sarà tua.

[Non si può non vedere come questa benedizione si sia realizzata pienamente nel Messia Gesù. Noteremo anche che non si parla più della casa/tempio, perché la casa/tempio sarà … il Messia stesso]