Sempre vivo a intercedere per noi

Ebrei 7,20-28

L’abolizione degli “ordinamenti precedenti” si riferisce, non all’ordinamento della Legge in generale, ma all’ordinamento che riguarda il sacerdozio di Aronne e suoi discendenti (sacerdozio levitico).

L’abolizione è avvenuta da parte di Dio e non dell’uomo, di più … con giuramento di Dio: “Tu sei sacerdote per sempre [al modo di Melchisedek e non di Aronne]”.

Il “migliore ordinamento” (quello di Dio in Cristo, cioè il sacerdozio per sempre) genera una “migliore alleanza”, cioè la salvezza per sempre. Una alleanza che tiene, che dura … perché il sacerdozio di Cristo è unico e supera i tempi.

Effetto della “migliore alleanza” è che Gesù può “salvare perfettamente (non solo temporaneamente e parzialmente) tutti quelli che per mezzo di lui si avvicinano a Dio: egli infatti è sempre vivo per intercedere a loro favore”. Il sacerdote “adatto” a noi è proprio Gesù: egli è “santo, innocente … ha offerto se stesso, una volta per tutte”.

E’ forte questa “intercessione di Gesù”! La sua morte, avvenuta una volta per tutte, “parla a Dio” e “intercede per noi”.