Nella vecchiaia, non abbandonarmi

Salmo 71

Il salmista “si racconta”.

Per molti “ero un prodigio” (v. 7), meglio tradurre: “ero un essere misterioso/unico“.

L’uomo si guarda dentro, guarda indietro, davanti, accanto … Cosa vede? Vede l’opera di Dio su di sé … “fin dal grembo materno”. Vede gesti di liberazione, di accompagnamento, di difesa da parte di Dio: vede la fedeltà di Dio.

Adesso, però, quest’uomo è nella vecchiaia (vv. 9.18). Che sarà di me, dice. La lotta contro di me continua e va in crescendo. “Venuta la vecchiaia e i capelli bianchi”, mi abbandonerai? No, o Dio! Mi hai sempre aiutato e mi aiuterai ancora. “Allora, io ti renderò grazie per la tua fedeltà”. “A tutte le generazioni dirò le tue imprese”.

Così, ancora una volta, “quelli che cercano la mia rovina saranno svergognati”.